Connessione 110
giugno 16, 2017
Connessione 112
luglio 25, 2017

Connessione 111

111 Richiedo informazioni utili per il mio proseguire in questo piano.

Ed è ancora Il parametro “tempo” relazionato allo stato vibrazionale in cui vivete, alla dimensione dello spazio in cui abitate, ad un fattore organico del vostro cervello , che vi mostra realtà parziali.
Nessuno “muore” poiché nessuno è “vivo”, Vita e Morte sono parametri spazio/temporali del piano che percepite.
Cos’è che che nasce ?
Cos’è che muore ?
Il sole non sorge e non tramonta ma la percezione che avvenga non implica che non sia vero, tenere a mente la parzialità data dal piano di osservazione diventa quindi fondamentale per espandervi nel sentirvi parte.

Siete già presenti in più piani, in più tempi e dunque siete già immortali poiché tutto è immortale nel momento in cui vi aprite a riconoscere ciò ricorderete ciò che avete sempre saputo.

Nessuno “muore” poiché nessuno è “vivo”.

Apritevi a riconoscere l’immortalità di ogni cosa, con il sorriso negli occhi aprite il vostro percepito, spingete la vista organica oltre a ciò che vedete, immaginate ogni cosa che vedete rilasciare filamenti d’interconnessione in ogni direzione verso un principio che c’è a prescindere che lo ricordiate o meno.
Siete nel fiore, nel sole, nell’aria tanto quanto nel vostro corpo.

Non siete lì, ma siete anche lì.
Non siete chi pensate di essere ma siete anche ciò che pensate di essere.
Non siete vivi ma siete anche vivi.
Non siete morti ma siete anche morti.
Non siete importanti ma siete anche importanti .
Quando immettete “l’anche” vi dichiarate parte e tutto si apre ad aumentare la vostra percezione.
Apritevi ai sensi cosmici che sono già in voi, per voi lo strumento per ricordare, percepire, riconoscere, vivere le più dimensioni coesistenti.

Temere la morte significa non sentirsi parte.
Quando vi sentirete parte tutto ciò che riguarda la percezione temporale del piano si dissolverà inondandovi di gamme di frequenza che vi permetteranno di utilizzare i vostri sensi organici ad uno stadio che ora risiede nell’immaginazione di alcuni, nella speranza di tanti, nel ” e magari” di molti.

Spingete i vostri occhi a vedere oltre…
fateli sorridere…
nutrite la pace e ricorderete….,
nessuno “muore” poiché nessuno è “vivo”.

1 Comment

  1. Sara ha detto:

    Piano piano leggeró tutto.. le tue parole sono una melodia stupenda che suona nell’aria! Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *