Connessione 119
ottobre 19, 2017
Connessione 121
novembre 13, 2017

Connessione 120

120 Richiedo informazioni utili per il mio proseguire in questo piano.

Entrando nel “sentire” permettete a gamme di informazioni di attraversarvi ed iniziando a prendere nota del vostro “sentire” delle vostre “sensazioni” vi lascerete trasportare da ciò che avete sempre saputo di sapere.

L’evolutismo storico può venire considerato anche come involuzione tuttavia tutto evolve a prescindere dal punto di osservazione, prendete i bambini che da piccoli vengono considerati “connessi, avanti, del futuro, speciali, in collegamento, Maestri…… e improvvisamente capricciosi ….. ” poi nell’avanzare della crescita sembra che si dimentichino o che si siano scollegati e questo è ciò che che permetterà loro da adulti di “ritrovarsi” e dunque può forse definirsi involuzione ?

L’evolutismo considera tutto l’arco di crescita e dunque nel vostro tempo storico di percezione state entrando nell’adolescenza e come nei ragazzi ci sono coloro che pensano di sapere e altri che ricordando sanno di sapere ….

Le fasi della crescita osservate singolarmente portano in se mondi interi di osservazioni che scompaiono nel momento che considerate come un passaggio obbligato che permette il formarsi del passaggio successivo così il seme è un passaggio che precede il germoglio che a sua volta precede …. e così funziona , il gattonare precede il camminare che precede il correre e dunque non ci sono scalini , salite e discese, esami o prove …. c’è una crescita inesorabile in ogni organismo vivente che produce un infinita serie di passaggi che conducono a loro volta ad altri passaggi .

L’Umanità nella sua giovanissima età ha avuto civiltà come i bambini piccoli connesse, del futuro, Maestri e anche improvvisamente capricciosi ….
e poi civiltà impegnate nell’imparare a scuola …..

è tutto simbolico, olografico, ed ora immaginate che tutti i passaggi dell’umanità stiano formando un seme

e vi chiedo cosa produrrà questo seme ?
e ora comprendete perché nel seme c’è tutta la potenzialità del raccolto ?
E dunque sapervi ora parte del seme come vi fa sentire ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *